Una statua di Ed Sheeran è comparsa al Gorky Park di Mosca, la stessa location che in Wind Of Change degli Scorpions troviamo menzionata come uno degli elementi chiave della fine della guerra fredda, delle tensioni socio-politiche dell’Europa dell’est e dell’abbattimento del muro di Berlino.

Il cantautore di Halifax, infatti, dovrà esibirsi a Mosca il 19 luglio presso la Otkritie Arena. La statua mostra Ed Sheeran disteso su un fianco con un paio di calzoncini rossi, una camicia ricoperta di scritte e un paio di occhiali da sole, in una posa che lascia intendere uno stato di relax.

Il concerto nella capitale russa arriva a pochi giorni dalla release dell’album No.6 Collaboration Project, un disco di 15 tracce creato in collaborazione con vari ospiti – Bruno Mars, Justin Bieber, Cardi B, Eminem, 50 Cent – e che non rappresenta una nuova tappa ufficiale della sua discografia, bensì il seguito ideale di un primo progetto di collaborazioni pubblicato nel 2011 (No.5 Collaboration Project) quando ancora i riflettori di tutto il mondo discografico non erano puntati su di lui.

Con questo disco, Ed Sheeran ha voluto creare il sincretismo musicale più totale, cimentandosi nell’hip-hop, nel rock, nella ballate, nel soul e nell’r’n’b, tenendosi dunque ben lontano dalle sue performance acustiche e pacate. Il cantautore britannico, inoltre, è stato in Italia in occasione del Firenze Rocks per portare in Italia il suo show essenziale.

Un utente, nel commentare la presenza della statua di Ed Sheeran a Mosca, con un sottile riferimento allo spirito del cantautore che emerge in ogni suo brano, ha scritto: “Qualcuno ha creato questa statua in uno dei posti più grandi di Mosca per fare in modo che Ed Sheeran non si senta più solo“.

La statua di Ed Sheeran misura 5 metri di larghezza e si suppone che si tratti di una sistemazione temporanea, installata solamente in occasione del concerto del 19 luglio.

 

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!